Welcome at the website of Museo Eccel Kreuzer Museum. Your currently used browser is outdated, probably insecure, and may cause display errors on this website. Here you can download the most recent browsers: browsehappy.com

La collezione d’arte Eccel Kreuzer raggruppa 1500 opere di più di 300 artiste e artisti dal 1900 fino ai giorni nostri. Tra i protagonisti della collezione le colonne portanti, con i quali le famiglie Eccel e Kreuzer coltivarono una grande amicizia decennale, ricordiamo Hans Ebensperger, Karl Plattner e Peter Fellin.

L’inizio della collezione si deve al grande interesse del fondatore della ditta Ing. Friedrich Eccel e della moglie Hilde Eccel Tapfer nei confronti dell’arte contemporanea (pittura, scultura e architettura) interna ed esterna al Sudtirolo che iniziarono a collezionare negli anni 50 del Novecento.

Josef Kreuzer descrive i finanziamenti artistici in un’intervista con Carl Kraus: “Mio suocero Ing. Friedrich Eccel era un mecenate d’arte particolare. Egli non si limitò ad acquistare le opere degli artisti, bensì egli ospitò alcuni artisti per mesi e anni nella propria grande villa di via San Quirino.” 

Le relazioni tra gli artisti e le artiste erano costruite sulla base ad una profonda amicizia ed apprezzamento reciproco. Da questi esordi complessi si formò una complessa e in parte significativa collezione d’arte dell’intero Tirolo moderno con la pittura come punto di forza.

La figlia della coppia, Eva, riprese gli interessi dei genitori e divenne conosciuta come una delle più importanti critiche d’arte in Sudtirolo dopo i suoi studi di storia dell’arte compiuti ad Innsbruck e a Vienna e dopo aver pubblicato alcuni libri sull’arte tirolese negli anni 80 e 90 del Novecento. Eva Eccel ampliò insieme con il suo marito, il magistrato Josef Kreuzer, la collezione dei suoi genitori.

Dopo la separazione della coppia Kreuzer Eccel, alla fine degli anni 90, la casa dei portici e gran parte dell’odierna collezione ricadde su Josef Kreuzer. Fino alla sua morte, avvenuta nel gennaio 2017, la collezione veniva legata al motto “Da Ala a Kufstein”. Essa costituiva una documentazione che raggruppò la pittura della moderna regione del Tirolo, del Sudtirolo e del Trentino.

Degli estratti della collezione vennero esposti in due mostre dapprima a Brunico (Bilder eines Jahrhunderts – Südtirol, Tirol, Trentino von 1900 bis heute; Immagini di un secolo – Alto Adige, Tirolo, Trentino dal 1900 ad oggi – 31.10. – 06.12.2015) e a Trento (Arte dopo il/Kunst nach 1900, Tirolo-Alto Adige-Trentino, Opere dalla Collezione Kreuzer/Tirol-Südtirol-Trentino, Werke aus der Sammlung Kreuzer, Palazzo Trentini 14.01.-11.03.2017)